parallax background
Un mondo di idee

I nostri progetti

2019 – in corso

PROGETTO SECONDE A NESSUNO


L’obiettivo generale del progetto è quello di migliorare la capacità di presa in carico da parte del Centro Veneto Progetti Donna (centro anti-violenza provinciale) e della rete dei servizi territoriali in aiuto alle vittime di violenza delle donne di origine africana, sia delle prime che delle nuove generazioni in Italia. Attraverso una serie di iniziative innovative e sperimentali, il nostro obiettivo è creare, all’interno del progetto, uno spazio dedicato alle donne afroitaliane e afrodiscendenti; uno spazio in cui confrontarsi su tematiche quali identità, resistenza quotidiana, frustrazione, senso di impotenza ma anche di riscatto, riappropriazione della propria identità e mobilitazione per il futuro. Tra le attività realizzate, siamo orgogliosi della formazione di “empower-agents”, moltiplicatrici delle informazione all’interno delle comunità; la formazione delle operatrici dei centri su competenze e conoscenze culturali per migliorare la presa in carico e le eventi di sensibilizzazione realizzati.

Il progetto è realizzato in partenariato con Comune di Padova, Comune di Este, Centro Veneto Progetti Donna, Rel.Azioni Positive e Università degli Studi di Padova - Centro di Ateneo per I Diritti Umani.

2019

CORSO DI SARTORIA SOCIALE


Il percorso di sartoria sociale proposto dall’Associazione Arising Africans è stato strutturato per 15 partecipanti, tra cui 10 donne migranti e 5 italiane, prevedeva moduli di cucito, di imprenditoria e di assistenza sociale per aumentare la consapevolezza delle donne circa il fenomeno della violenza e dell’emarginazione sociale. Lo scopo era di promuovere il corso di formazione sul cucito per favorire la partecipazione e lavorare poi sull’empowerment femminile, le discriminazioni razziali e la consapevolezza di sé. Proprio per questo era stata prevista la partecipazione di un’assistente sociale, una psicologa e la collaborazione con un centro antiviolenza, che ci aiuteranno a incentivare l’indipendenza delle partecipanti, creare relazioni sulla condivisione delle esperienze e, se dovesse essere necessario, attivare percorsi di sottrazione da situazioni di subordinazione.

La programmazione prevista era di minimo 50 ore e massimo 60 distribuiti tra Gennaio e Marzo, con tre moduli rispettivamente dedicati al cucito, all’imprenditoria e all’empowerment femminile. Il progetto è stato realizzato su finanziamento della Regione Veneto tramite l’Osservatiorio Regionale Antidiscriminazione Razziale e Veneto Lavoro .

2018

CORTOMETRAGGIO “IO SONO ROSA PARKS”


Io sono Rosa Parks” è cortometraggio ambientato al museo MAXXI di Roma e vede 12 protagonisti che hanno origini famigliari diverse (ghanese, ecuadoriana, nigeriana, albanese...e via dicendo) arrivano da differenti città italiane, ma appartengono tutti ad un unico movimento che si chiama #ItalianiSenzaCittadinanza. “Io sono Rosa Parks”, raccontando il legame tra il profondo sud degli Stati uniti (degli anni Cinquanta e Sessanta) e l’odierno Medio Oriente, compie una riflessione sulla segregazione; mostra come essa sia stata in grado di attraversare il tempo e lo spazio e come ancor oggi riesca a dividere non solo i bianchi dai neri, ma soprattutto i diritti...dai civili e i diritti...dagli umani. Così il cortometraggio ci invita ad una riflessione per capire se esiste questa odiosa “linea di separazione” anche vicino a noi e chi possa essere oggi in Italia Rosa Parks.

Il cortometraggio, Vincitore del bando MigrArti - Cinema 2018, è stato presentato al Festival del Cinema di Venezia. È prodotto da Angelika Vision, in partenariato con Arising Africans e il Movimento #ItalianiSenzaCittadinanza